Edoardo De Silva

Edoardo de Silva, Laureato in Relazioni Internazionali e Istituzioni Europee e Master in Green Management, Energy and CSR presso l’Università Bocconi di Milano, ho inoltre maturato esperienze presso la Commissione Europea e la Banca Europea degli Investimenti. Ho lavorato come consulente nell’ambito dei trasporti e delle infrastrutture presso TRT Trasporti e Territorio. Scrivo articoli su tematiche legate all’energia, l’ambiente, la sostenibilità e i trasporti, principalmente per la rivista Revolve.

Modernizzazione ferroviaria in Egitto

E’ del 23 Maggio la notizia della firma di un accordo da €145 milioni ($177 milioni)tra l’Egitto e l’African Development Bank (AfDB) per modernizzare la rete ferroviaria del paese dei Faraoni. Tale accordo è seguito all’annuncio del Ministero dei trasporti di sviluppare le ferrovie egiziane in base ad un progetto da $14 milioni, equivalenti a…

The Boring Company: Elon Musk a Las Vegas

Elon Musk, imprenditore visionario e miliardario sudafricano, è celebre per le sue iniziative commerciali e imprenditoriali che spaziano nei campi più svariati. Nomi come Tesla, SpaceX, PayPal, Hyperloop, Neuralink o the Boring Company sono ormai familiari al grande pubblico. Dall’esplorazione spaziale, al sistema dei pagamenti, allo sviluppo di interfacce neurali, fino alla rivoluzione dei trasporti, gli interessi di Musk sono molteplici. Se Musk è famoso per i suoi progetti di colonizzazione marziana e per la sua compagnia aerospaziale SpaceX, questo non significa che trascuri la superficie terrestre per non parlare del sottosuolo.

Hyperloop – il progetto visionario si concretizza?

Da circa un anno è presidente di Sodalitas, la Fondazione che da 25 anni promuove la responsabilità sociale d’impresa. Che ruolo può rivestire la sostenibilità nella ripartenza del Paese?

Il concetto di sostenibilità può essere usato, e ahimè abusato, per pressoché ogni aspetto della vita civile ed economica. É intuibile comprendere che ogni azione o attività non sostenibile crea, di solito più prima che poi, costi o risultati negativi (le c.d. “esternalità negative”) che inizialmente non erano stati previsti e comunque superiori ai benefici causati dalla stessa azione o attività. Dovrebbe quindi essere logico che la società civile e la sua sfera economica scelgano attività sostenibili, ovvero applichino azioni correttive alle attività già intraprese non sostenibili, in modo da evitare quel saldo negativo tra benefici e malefici. Purtroppo la realtà non è così perché la società civile né la sua sfera economica riescono ad operare in piena efficien- za, il tutto naturalmente perché siamo esseri umani, imper- fetti per definizione.